Il tuo respiro

on 13 Agosto 2016
Visite: 362

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Stesi uno a fianco all'altro ti stringo forte quasi volessi trattenere fisicamente il ricordo degli attimi da poco vissuti. Esausti, soddisfatti e appagati giaciamo avvolti dalle lenzuola rosso fuoco che ancora di più hanno esaltato l'ardore di una autentica e condivisa passione. Il tuo respiro regolare e rilassato è una musica dolce, una colonna sonora semplice eppur perfetta. Lo percepisco con tutti i sensi, il profumo dell'alito, il lento movimento dell'addome, il soffio gentile sul mio avambraccio che avvolge il tuo petto, il ritmico suono di ogni boccata di ossigeno.

Il tuo respiro... così diverso da quello di pochi minuti prima che ansimava implorante in quel misto di piacere e dolore tanto intenso da perderci la ragione. Il respiro affannoso che ti assale ogni volta che mi avventuro verso il tuo punto debole. Ogni volta che mi appresto a mettere in pratica quel gioco che tanto temi e che, proprio per questo, in realtà adori. E' il momento più bello tra tutti i preziosi attimi passati insieme quando, poco prima di sentirlo addosso, osservi lo strumento che fino ad allora era rimasto nascosto nella sacca. Non lo utilizziamo spesso, per questo ogni volta è una terribile ed affascinante sorpresa. Il broncio sensuale che si materializza sul tuo volto, la luce negli occhi che cambia, quel briciolo di paura che sostituisce per un secondo l'eccitazione. L'impulso istintivo di abbassare le mani per proteggersi, subito represso dalla tua forza di volontà che ti vincola a mantenere la posizione che ti è stata imposta. Una forza tenace quanto la corda più resistente. Il respiro che si agita e la gola che articola quel flebile suono, quel “no” appena accennato che in realtà ha un significato esattamente opposto a quello normalmente conosciuto. E' un'immagine impressa come un marchio a fuoco nella mia memoria. Un unico istante capace di ricordarmi quanto la vita valga la pena di essere vissuta intensamente in ogni suo attimo.