Erotismo del corpo

on 22 Luglio 2016
Visite: 413

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’erotismo del corpo. Tutti i sensi partecipano al gioco della seduzione -l’odore, l’aspetto e il movimento, il tocco e i suoni di una figura – e sopra a tutto il cervello che li dirige. La provocazione nell’esibire il corpo, nello scoprirlo, l’attrarre in modo esplicito, denuda parti sessualmente caratterizzate: il seno con le scollature e le trasparenze, le gambe con le gonne corte o con gli spacchi, l’ombelico e i fianchi – arrivando all’attaccatura dell’inguine – e la piega dei glutei con i pantaloni a vita bassissima.

La sfida esibizionista fa parte della natura femminile. E ricordiamo che lo strip tease è sempre stato uno spettacolo – pubblico o privato – interpretato dalla donna, così come la più recente lap dance (il moderno spogliarello maschile è soprattutto autoironico).
Esibirsi, anche soltanto mostrando un capo di biancheria sexy, è un meccanismo erotico che fa cadere le inibizioni. Vissuto nel mondo dellafantasia oppure nella realtà, il desiderio di farsi guardare può essere eccitante, per donne e uomini. L’artista Marina Abramovich, afferma che: “Gli oggetti osceni e i genitali maschili e femminili hanno una funzione importante, legata soprattutto ai riti naturali”. Non c’è niente di sbagliato o, meglio di preoccupante, dal punto di vista psicologico, nell’impulso a farsi guardare per accendere l’eros. Soltanto se diventa un’idea ossessiva, può sconfinare nella perversione, che non è mai appagante (l’esibizionismo come comportamento sessuale deviante, compulsivo e ossessivo, che consiste nel mostrare i propri genitali in pubblico, di essere guardati mentre si fa sesso, durante un orgasmo…riguarda quasi esclusivamente l’individuo maschile) e, ovviamente, se non disturba la sensibilità degli altri, altrimenti diventa prevaricazione.

“La donna tende ad eccitarsi con immaginazioni di tipo narcisistico nelle quali proietta la propria capacità seduttiva” spiegaChiara Simonelli, psicosessuologa. “Le fantasie femminili sono spesso alimentate da immagini di film, o dal rivivere rapporti sessuali molto soddisfacenti vissuti nel passato. Nei maschi, invece, sono al primo posto le fantasie erotiche legate alvedere, al toccare, al baciare i genitali femminili o riferite ai propri genitali”. L’erotismo maschile passa in primo luogo attraverso gli occhi e l’eccitazione che ne deriva innalza i livelli di testosterone.

Il corpo, e soprattutto i suoi movimenti, è il protagonista della scena in SEXXX, lo spettacolo di Matteo Levaggi – il coreografo che ha dato una scossa al mondo della danza contemporanea – messo in scena dal Balletto Teatro di Torino. Il registaDavide Ferrario ne rimane talmente affascinato che decide di farne un film. Come sempre accade per le opere di Ferrario, però, SEXXX non è solo la documentazione di quanto il regista osserva quella sera. La messa in scena della coreografia per il cinema – realizzata con montaggio e punti di vista insoliti per la videodanza tradizionale e con una colonna sonora che contempla David Bowie, Ultravox, Giorgio Canali, The Longcut, Ooioo e Massimo Zamboni mentre la musica originale per il balletto è di Bruno Raco – si arricchisce infatti di ricognizioni visive sul corpo nudo raccontato attraverso varie forme espressive, dalla pittura classica ai set dei film porno, con anche l’aggiunta di una sorta di fiction in forma di cortometraggio. Dopo la presentazione all’ultimo Torino Film Festival, dove SEXXX ha conquistato pubblico e critica, la stessaMadonna ha chiesto di vedere il film, inviando quindi i suoi apprezzamenti al regista. Adesso l’appuntamento con SEXXX, che inizia tra poco la sua carriera internazionale con l’invito al Festival di Mosca, sarà nelle sale italiane il 4 e 5 luglio (elenco dei cinema su www.nexodigital.it) per approfondire il tema del corpo, della sua potenza fisica, ma anche della sua grazia e del ruolo spesso esasperato che ricopre nel mondo contemporaneo.